The Weeknd – Call Out My Name

(The Weeknd, Adam Feeney, Nicolas Jaar)
A sorpresa è uscito il primo extended play del cantautore canadese, The Weeknd.
Il lavoro discografico si intitola “My Dear Melancholy”, un  titolo perfetto per la nuova icona pop capace di farsi apprezzare da tutto il mondo grazie al singolo “Can’t Feel My Face”, incluso in “Beauty Behind The Madness”.
“My Dear Melancholy” si concentra su un mix oculato di elettropop e r&b.

The Weeknd

Tesfaye ha incominciato a scrivere canzoni a 17 anni e aveva un progetto soft R&B con un produttore che si chiamava The Noise. Poi nel 2010 incontrò Jeremy Rose, con cui iniziò a formare il gruppo The Weekend, nome che cambiò in The Weeknd rimuovendo una “e” dopo che Tesfaye iniziò la carriera da solista. [Wikipedia]
Le sei tracce mettono in evidenza tutte le anime di The Weeknd, ponendolo ancora una volta tra gli artisti più interessanti degli ultimi tempi. 
Tra le canzoni ascoltate, “Call Out My Name” prodotto da Frank Dukes (Camila Cabello, Travis Scott, Future, Drake, Kanye West e Post Malone) è quella che più mi ha conquistato per via di un sound che ricorda molto, “Earned It”.

Testo 

https://genius.com/The-weeknd-call-out-my-name-lyrics