2017: Prisoner 709 – Caparezza

2017: Prisoner 709 – Caparezza

E’ finalmente uscito il nuovo lavoro discografico di Caparezza dal titolo Prisoner 709.

Dopo i primi assaggi, già in molti parlano della svolta positiva del rapper pugliese.

Il 13 giugno 2017 l’artista ha annunciato attraverso la propria pagina Facebook il settimo album in studio. Il progetto è stato anticipato dal videoclip della title track.

Dopo tre anni dal pluripremiato e multi-platino Museica, Caparezza – uno degli artisti più sensibili e con meno ego in circolazione – torna a registrare giocando con le parole, a partire dal titolo: Prisoner inteso come prigioniero della tecnologia.

Quest’ultimo è un po’ il tema fondamentale del disco che è molto critico sul nuovo modo di comunicare e fare musica o sul fatto di chi “vuole, un disco lo digita”.  E poi il numero 709, ovvero sette o nove: sette i dischi che ha scritto, nove quelli ufficialmente usciti con i due mix del cantante.

Il gioco di parole non è altrettanto criptico come il titolo nei testi che parlano chiaramente della difficoltà di essere liberi di esprimere la propria creatività in un mondo difficile e invaso dalla tecnica.

Prisoner 709 è stato registrato in Puglia, prodotto e miscelato in America da Chris Lord Alge, mix engineer che ha lavorato in passato con i Green Day, Phil Collins, Avril Lavigne, U2, The Black Eyed Peas, Michael Bublé, Céline Dion e Cher.

Questo concept album conta sedici brani, ogni canzone un capitolo inerente alla condanna, alla pena e via discorrendo.

Canzoni molto curate, dove i giochi di parole di un rap rock dai suoni duri, fatte col sorriso, sono come sempre uno dei punti di forza di Caparezza che si diverte facendo rime impossibili dall’effetto stravolgente.

Un bel disco insomma, da comprare a scatola chiusa, grazie anche alla partecipazione del rapper statunitense DMC e dei cantautori italiani Max Gazzè e John De Leo.

(Stilato in collaborazione con Z!bA)

Tracklist

Prosopagnosia (capitolo: il reato) featuring John De Leo

Prisoner 709 (capitolo: la pena)

La caduta di Atlante (capitolo: il peso)

Forever Jung (capitolo: lo psicologo) featuring DMC

Confusianesimo (capitolo: il conforto)

Il testo che avrei voluto scrivere (capitolo: la lettera)

Una chiave (capitolo: il colloquio)

Ti fa stare bene (capitolo: l’ora d’aria)

Migliora la tua memoria con un click (capitolo: il flashback) featuring Max Gazzè

Larsen (capitolo: la tortura)

Sogno di potere (capitolo: la rivolta)

L’uomo che premette (capitolo: la guardia)

Minimoog (capitolo: l’infermeria) featuring John De Leo

L’infinto (capitolo: la finestra)

Autoipnotica (capitolo: l’evasione)

Prosopagno sia! (capitolo: la latitanza)