2017: 11:11 Reset – Keyshia Cole

2017: 11:11 Reset – Keyshia Cole

Se non nasce una nuova realtà imprenditoriale, difficilmente il Rhythm and Blues potrà risorgere.

Negli anni novanta furono le piccole imprese a dettare legge nelle charts e le major dovettero piegarsi ad esse, stilando contratti per la distribuzione.

LaFace Records e la BadBoy di Puff Daddy, strinsero accordi con l’Arista di Clive Davis mentre la Def Soul trovò una intesa con la Universal Music.

Nessuno di essi comunque allacciò una partnership con la Sony Music perché lontana mille miglia dal sapere come promuovere un disco Soul/R&B.

La Sony è una società che rappresenta egregiamente la musica Pop nel mondo e sotto questo aspetto è davvero intoccabile. Nessuno come lei riesce a esportare al meglio questo genere musicale. Come dimenticare per esempio i grandi classici di Mariah Carey, Celine Dion e Michael Bolton che negli anni ’90 vendettero milioni e milioni di copie?

Ho voluto iniziare il post con questa premessa perché il nuovo long playing di Keyshia Cole intitolato 11.11 Reset è prodotto e distribuito dalla Epic Records, una etichetta discografica controllata appunto dalla Sony Music Entertainment.

Conosciuta per il suo timbro di voce soul, Keiysha Cole comincia la propria carriera collaborando con il rapper MC Hammer. Nel 2004 ottiene il suo primo contratto discografico e l’anno seguente pubblica l’album The Way it Is, certificato disco di platino.

Da qui è nata la mia perplessità sul suo risultato in classifica.

Keyshia dalla sua ha una capacità interpretativa tale da far risuscitare i morti e i brani sin qui disponibili – You, Incapable e Best Friend – dimostrano quanto sia vero l’iperbole che ho appena digitato sulla tastiera del mio computer.

Con l’aiuto di DJ Khaled, Remy Ma, French Montana, Young Thug, Kamaiyah e Too $hort, la Cole confeziona un disco del tutto valido ricordandoci che la cosa più efficace dell’intera operazione è il modo in cui lei si accosta al Rhythm and Blues; crudo e appassionato così come il genere musicale dovrebbe essere.

Non solo… con 11:11 Reset, Keyshia Cole si conferma una delle migliori artiste in circolazione.

La sua voce resta tra le più belle, particolare, quasi “magica”, assolutamente perfetta nelle interpretazioni che spaziano dal soul, al melodico, ritagliandosi ancora una volta la sua discreta fetta di pubblico.

Peccato che cantanti dal talento indubbiamente inferiore rispetto al suo, riescano a vendere molto di più, ma qui torno al punto iniziale di questo articolo perché un successo di vendite altro non è che il risultato di un team di lavoro e di promozione.

La mia perplessità è nei confronti della Epic/Sony Music e non per le indiscusse e indubbie qualità della cantante. Lei è deliziosa in tutto, una delle migliori interpreti della musica black.

Questo long playing pur spaziando su diversi generi è un’ottimo prodotto dalle piacevoli atmosfere musicali, grazie a un grande lavoro di rifinitura. La mia valutazione sotto questo aspetto è più che positiva, molto, molto meno lo è nei confronti della label.

Tracklist

Cole World (Intro) featuring DJ Khaled

Unbothered

You featuring Remy Ma & French Montana

Incapable

Best Friend

Vault

Act Right featuring Young Thug

Right Time

Emotional

Ride featuring Kamaiyah

Cole World (Outro) featuring Too $hort